La Corte // LOGO

INES LENZ
Viaggio di un barattolino pop

L'idea di mostrare il viaggio di un piccolo barattolo di zuppa potrebbe sembrare di per sè quasi scontata. In realtà è un'idea che parte da lontano, come da lontano è partito proprio il barattolo della celebre zuppa Campbell. Passato quindi come quel tempo che ne rappresenta il referente principale - come non pensare alle opere di Andy Warhol - e lontano come quel luogo geografico da cui ha avuto origine questo viaggio.
Ines Lenz, autrice del lavoro, trova infatti il barattolo per caso a Basilea, lo prende con sé e lo porta dietro durante un lungo viaggio sospeso tra l'immaginario e il reale.
Dagli Stati Uniti, dove la zuppa è conosciuta e usata, il barattolo raggiunge Basilea, dove appare fra i lavori principali di una mostra dedicata ad Andy Warhol, da lì arriva ancora a Firenze dove appare fra le mani di vari artisti e non. Significativa ci appare la scelta di adottare come protagonista dell'impresa un barattolo di zuppa Campbell.
Il barattolo di zuppa di per sè infatti non è altro che un oggetto privo di un reale spessore significativo, quello che però lo trasforma in un elemento significante è proprio il senso che tendiamo ad attribuire a certi oggetti. Oggi più che mai trova quindi la sua ragion d'essere una ricerca artistica volta ad indagare sull'idea del consumo e del viaggio.
Il video, con musica di Massimo Liverani, e le fotografie di Ines Lenz ci mostrano infatti una moderna Odissea, quello che un tempo era incarnato dal protagonista dell'epos greco confluisce oggi, nel tempo della nostra società, nella quotidianità di un oggetto seriale, d'uso comune, perché è nel consumo e nella cultura pop che si dà corpo al significato recondito del viaggio.
Il barattolo è l'incarnazione della velocità: prontezza all' uso, un prodotto daaprire e consumare al momento, è velocità di consumo quindi al contrario del viaggio universalmente inteso come dimensione dell'essere in cui proprio il tempo viene dilatato e assaporato in ogni singolo suo istante. Un binomio quindi, o meglio un ossimoro, tra quello che è il viaggio del barattolo - ricordato appunto già dal titolo del lavoro, Viaggio di un barattolino pop e ciò che in realtà esso incarna a partire da Andy Warhol stesso.
Inevitabile il riferimento al grandissimo artista americano: il barattolo di zuppa Campbell, ormai assunto ad icona dell'intera cultura pop, si richiama evidentemente al lavoro di Andy Warhol che Ines sapientemente riprende innestandovi sviluppi del motivo del viaggio.
Buon appetito

Carolina Orlandini


This text will be replaced