La Corte // LOGO

MARCO MARTELLI

Respiro

Come ricordi di infanzia annidati nella memoria rimangono in noi i dipinti di Marco Martelli. Al loro interno gli oggetti sono rappresentati in stranianti composizioni dopo essersi cercati e trovati per formare una realtà “altra”, una terra che prima non esisteva ma che diventa viva e presente per risvegliare la nostra immaginazione. Marco Martelli, con forza e delicatezza, ci conduce attraverso il suoi disegno e i colori a un nuovo spettacolo di armonia, verso città e oggetti che si rivelano sotto una luce inaspettata e misteriosa. Mi chiedo se esista una parola per racchiudere tutti i suoi dipinti. Un termine che non sia né surrealismo, né metafisica, né iperrealismo, ma che allo stesso tempo contenga in sé queste grandi correnti artistiche. Ci penso mentre in testa si aggrovigliano idee il cui risultato vorrei che fosse una nuova definizione… ma alla fine è poi così necessario classificare sempre tutto? Le opere di Marco sono eredi di una tradizione forte e radicata, e insieme sono libere, uniche e personali. Le voglio pensare così, liberate, non catalogate, belle nel loro semplice essere.

Silvia Cosi